Domande frequenti

  - USO E DURATA DI UN IMPIANTO
  - ESPERIENZA CON GLI IMPIANTI DENTALI IN SVIZZERA
  - PORTATORI DI IMPIANTI: REQUISITI E ETÀ
  - VANTAGGI E SVANTAGGI DEGLI IMPIANTI DENTALI
  - TRATTAMENTO (INCL. DURATA)
  - DOPO L'INTERVENTO: CAPACITÀ LAVORATIVA, CURA E ALLENAMENTO SPORTIVO
  - SPECIALISTI IN IMPLANTOLOGIA
  - PERDITA DELL'IMPIANTO
  - COSTI
  - RESPONSABILITÀ
  - FONDAZIONE IMPIANTI SVIZZERA


USO E DURATA DI UN IMPIANTO
 
Che cos’é un impianto dentale?
L’impianto dentale è una radice artificiale che viene inserita con un intervento chirurgico direttamente nell’osso mascellare o mandibolare, e ha per lo più la forma di una vite. Il materiale di cui si compone è generalmente il titanio, in quanto è ben tollerato dal nostro organismo e estremamente resistente. Sull’impianto verrà in seguito fissata la protesi dentaria, fissa o rimovibile.
 
Quanti denti si possono sostituire con gli impianti?
La tecnica degli impianti dentali consente di sostituire un singolo dente, colmare una lacuna dentaria più estesa (due o più denti mancanti), o ancora, completare un mascellare parzialmente edentulo. Inoltre, grazie agli impianti dentali è addirittura possibile realizzare un ponte fisso o stabilizzare una protesi rimovibile in un mascellare completamente edentulo.
 
Quali sono gli effetti del titanio sul nostro corpo?
Il titanio è un materiale biocompatibile, tollerato in modo eccellente dal nostro organismo. A tutt’oggi non sono conosciuti effetti collaterali negativi.
 
Il titanio può provocare delle reazioni allergiche nel cavo orale?
Fondamentalmente l’uomo può sviluppare delle reazioni allergiche ad ogni sorta di molecole. Riguardo al titanio o ai vari tipi di porcellana, eventuali reazioni allergiche costituiscono dei casi estremamente rari e assolutamente inusuali. In caso di dubbio, il paziente può sottoporsi ad una visita allergologica dal proprio dermatologo, in modo da determinare la presenza di un’eventuale ipersensibilità verso questi materiali prima dell’inizio del trattamento.
 
L'ossido di zirconio (ceramica) può essere un’alternativa al titanio?
L’impiego dell’ossido di zirconio (detto anche zirconia) per la realizzazione di impianti endossei è documentato solo da pochi anni. Secondo le osservazioni più recenti la zirconia, esattamente come il titanio, può essere inserita nel corpo senza alcun problema. Tuttavia, la lavorazione di questo materiale, comparata a quella del titanio, risulta essere di gran lunga più difficile e dispendiosa, mentre la sua applicazione clinica non è stata ancora sufficientemente testata.
 
Quanto dura un impianto dentale?
Se curati e mantenuti in modo adeguato e in presenza di fattori di rischio minimi, gli impianti possono avere una durata di vita illimitata – esattamente come i denti naturali. Le statistiche indicano però che nel corso di 10 anni si perdono complessivamente 5 impianti su 100.
 
  Top
ESPERIENZA CON GLI IMPIANTI DENTALI IN SVIZZERA  
Che esperienza si ha in Svizzera con gli impianti dentali?
In Svizzera si eseguono impianti dentali dal 1980. Nella maggioranza dei casi, la sostituzione di un dente singolo con un impianto è diventata oggigiorno un intervento di routine. La scuola svizzera vanta quindi un’esperienza pluridecennale in implantologia, con molteplici successi e risultati eccellenti documentati a lungo termine.
 
Quanti impianti dentali si eseguono ogni anno in Svizzera?
In Svizzera vengono inseriti ogni anno 75'000–80'000 impianti.
 
  Top
PORTATORI DI IMPIANTI: REQUISITI E ETÀ  
Quali sono le premesse fondamentali per affrontare con successo una cura implantologica?
  • Buono stato di salute generale del paziente
  • Un osso mascellare o mandibolare intatto, di buona qualità e di volume sufficiente
  • Disponibilità da parte del paziente a praticare un’igiene orale scrupolosa
 
Quali sono invece i fattori di rischio?
I fattori di rischio principali sono:
  • Alterazioni o anomalie del processo di guarigione delle ferite
  • Malattia dei tessuti di sostegno del dente (parodontite)
  • Tabagismo (a partire da 10 sigarette al giorno, anche meno in determinati casi)
  • Igiene orale insufficiente
  • Difetti ossei estesi
  • Digrignamento dei denti (bruxismo)
  • Alcune malattie psichiche
 
Perché le malattie psichiche costituiscono un fattore di rischio per gli impianti dentali?
In generale, le malattie psichiche sono considerate fattori di rischio per qualsiasi tipo di intervento chirurgico. In questi casi, la pianificazione della cura dovrebbe essere eseguita con particolare scrupolosità e accuratezza. Soprattutto per ciò che riguarda la depressione, una malattia che si ripresenta ciclicamente e con diversi sintomi (abbattimento, ansia, ecc.), è necessario chiarire sin dall’inizio con il paziente, se sia ragionevole e accettabile dal suo punto di vista affrontare un intervento chirurgico. È inoltre necessario prendere in considerazione anche il parere del medico curante del paziente.
 
Gli impianti dentali sono adatti anche per le persone con sclerosi multipla?
Fondamentalmente non esiste alcuna controindicazione all’implantologia orale per i pazienti affetti da sclerosi multipla. È tuttavia consigliabile che le persone colpite da tale malattia ne discutano prima con un neurologo.
 
Gli impianti dentali possono essere inseriti in pazienti affetti da osteoporosi?
L’osteoporosi è una malattia del metabolismo dell’osso, caratterizzata da una riduzione della massa e da un’alterazione dell’architettura ossea. Tuttavia, l’originaria capacità di guarigione dell’osso continua a sussistere. Un impianto dentale può in questo caso integrarsi senza alcun problema, a condizione di raggiungere la necessaria stabilità. Per questo motivo la struttura ossea disponibile dev’essere adeguatamente densa, ciò che si può verificare facilmente con l’ausilio di una radiografia. Inoltre, il medico dentista deve scegliere accuratamente il tipo di impianto dentale, al fine di assicurare un’adesione dell’osso particolarmente buona.
 
Qual è l’età media delle persone che si sottopongono ad una terapia implantologica?
Il 60% dei pazienti ha più di 50 anni.
 
Fino a quale età si possono eseguire gli impianti?
Non vi è alcun limite di età verso l’alto, purché il processo di guarigione delle ferite sia normale. Per contro, l’età minima per inserire gli impianti dentali è di 18 anni, ovvero a crescita e sviluppo ultimati dei mascellari.
 
  Top
VANTAGGI E SVANTAGGI DEGLI IMPIANTI DENTALI  
Quali sono i vantaggi degli impianti dentali?
  • Il grande vantaggio degli impianti rispetto a un ponte fisso tradizionale è che non è più necessario limare i denti contigui al dente mancante, aumentando così la loro durata di vita.
  • Nel caso di un mascellare completamente edentulo, è possibile stabilizzare una protesi rimovibile con l’ausilio degli impianti. In questo modo si migliora considerevolmente la funzione masticatoria del paziente, nonché la sua sensazione di benessere e sicurezza.
  • Tramite l’impianto, l’osso mandibolare o mascellare viene di nuovo sollecitato meccanicamente e si riassorbe quindi molto di meno. L’impianto dentale contribuisce dunque in modo considerevole al mantenimento e alla conservazione dell’osso mascellare.
 
Quali sono gli svantaggi degli impianti dentali?
  • La cura implantologica può risultare più complicata e dispendiosa rispetto alle normali corone o ponti, soprattutto se si rendono necessari degli interventi chirurgici preliminari come la rigenerazione ossea, o il trapianto della mucosa.
  • Per inserire un impianto è necessario sottoporsi ad un intervento chirurgico.
  • In caso di igiene orale insufficiente, gli impianti dentali sono molto più soggetti alle infezioni rispetto ai denti naturali.
 
  Top
TRATTAMENTO (INCL. DURATA)  

Dopo la perdita di un dente, quanto tempo bisogna aspettare prima di poter inserire un impianto?
Nel momento in cui si procede all’inserimento dell’impianto dentale, l’osso mascellare deve essere perfettamente sano. Perciò, il periodo d’attesa dopo la perdita di un dente dipende unicamente dalla situazione di partenza. Nel caso concreto di infezioni che hanno portato alla perdita di un dente, sarebbe indicato un periodo d’attesa di almeno un mese. Nelle patologie infettive dei mascellari bisogna aspettare la completa guarigione dall’infezione. È inoltre indispensabile eseguire una radiografia di controllo.

 
Quanto tempo dura il trattamento?
Il trattamento – dalla prima visita, sino all’impianto con la riabilitazione protesica definitiva – dura in genere da tre a nove mesi. Se poi, prima di poter posizionare l’impianto, bisogna anche estrarre dei denti o ricostruire l’osso (rigenerazione ossea), la cura può protrarsi per più di un anno.
 
Come si svolge il trattamento?
  • Il trattamento inizia con un colloquio valutativo e un esame clinico accurato e approfondito, durante il quale il medico dentista fornisce informazioni chiare ed esaurienti al paziente.
  • Successivamente si esegue una pianificazione minuziosa dell’intervento al fine di individuare la posizione migliore in cui inserire gli impianti, a seconda del volume di osso disponibile e del tipo di riabilitazione protesica prescelto.
  • A questa tappa segue l’intervento chirurgico, in cui gli impianti vengono inseriti nell’osso mascellare o mandibolare.
  • Al termine della fase di cicatrizzazione (osteointegrazione), si può procedere alla realizzazione della struttura protesica definitiva.
  • Infine, a trattamento concluso, sarà indispensabile focalizzarsi sulla cura e il mantenimento degli impianti dentali con l’ausilio di un’igiene orale domiciliare quotidiana e controlli periodici dal proprio medico dentista e dall’igienista dentale.
 
In cosa consiste concretamente l’intervento chirurgico?
Durante l’intervento, il medico dentista incide la gengiva a livello dell'osso mascellare e vi pratica un foro profondo una decina di millimetri circa, in cui inserisce l’impianto – generalmente una vite in titanio. Il titanio è un materiale ben tollerato, biocompatibile e molto resistente. Affinché l’impianto si integri completamente nell’osso sono necessarie, a dipendenza dei casi, alcune settimane o addirittura mesi. In seguito si procede alla realizzazione della struttura protesica definitiva, che viene poi fissata sulla vite in titanio.
 
Come interviene il medico dentista in presenza di un'infiammazione attorno all'impianto?
Visite di controllo periodiche e radiografie consentono di determinare con relativa tempestività l'insorgere di un'infiammazione. La pulizia della superficie dell'impianto viene effettuata con speciali strumenti in teflon, fibra di carbonio o plastica, a cui fa seguito una lucidatura con l’ausilio di appositi spazzolini o coppette in gomma e pasta lucidante scarsamente abrasiva. Eventuali tasche della mucosa peri-implantare vengono sciacquate con una soluzione disinfettante. Questo procedimento viene ripetuto ad intervalli ravvicinati, fino a quando la situazione non si ristabilisce. Se l'infezione è avanzata, si dovrà ricorrere ad un intervento chirurgico addizionale e/o alla somministrazione di antibiotici.
 
Quando è necessario effettuare un aumento osseo?
Se il volume dell’osso disponibile è insufficiente per inserire l’impianto, si dovrà eseguire un aumento osseo (rigenerazione ossea). A seconda dell’importanza del difetto osseo presente, questi interventi chirurgici supplementari possono avere luogo prima, durante o dopo l’operazione di inserimento dell’impianto vera e propria.
 
L’intervento chirurgico è doloroso?
L'intervento chirurgico viene effettuato in anestesia locale, dunque è indolore. I dolori post-operatori sono in genere di debole intensità e possono essere alleviati assumendo degli antidolorifici.
 
Qual è il campo di applicazione della terapia implantare moderna guidata da computer?
Oggigiorno esistono dei software di ultima generazione che consentono di analizzare, nei minimi dettagli, l’anatomia ossea e dei tessuti molli nei mascellari dei pazienti in tre dimensioni. Queste immagini tridimensionali migliorano considerevolmente la precisione nella progettazione e pianificazione degli impianti, nonché la predicibilità della chirurgia. Si può quindi semplificare l’intervento chirurgico, rendendolo molto più preciso e minimamente invasivo. Così, in determinati casi, è possibile inserire gli impianti senza dover prima incidere la gengiva. La terapia implantare guidata da computer costituisce un valido e prezioso supporto soprattutto nei casi in cui bisogna inserire più impianti dentali contemporaneamente, come ad esempio in un mascellare completamente edentulo.
 
Quanto tempo bisogna aspettare tra la posa dell’impianto e l’applicazione del restauro protesico?
A tutt’oggi non c’è una chiara evidenza scientifica su ciò che può accadere ad un impianto nel caso in cui non venga caricato per lungo tempo con una protesi dentaria (corona, ponte, protesi rimovibile). È tuttavia un dato di fatto che l’osso di supporto si rimodella e adatta alle forze trasmesse attraverso l’impianto caricato. Se queste sollecitazioni meccaniche venissero a mancare, la logica conseguenza sarebbe una distruzione del tessuto osseo. Per questo motivo si consiglia di applicare il restauro protesico sull’impianto dentale entro alcune settimane al massimo dalla fine della fase di osteointegrazione.
 
Come viene fissata la protesi dentaria sull’impianto?
Sostanzialmente esistono due modi per fissare una protesi dentaria su un impianto: l’avvitamento o la cementazione. La scienza non concorda su quale tra i due metodi sia quello più efficace, in quanto entrambi presentano vantaggi e svantaggi. Si consiglia quindi al paziente di discutere tale questione con il proprio medico dentista curante.
 
  Top
DOPO L’INTERVENTO: CAPACITÀ LAVORATIVA, CURA E ALLENAMENTO SPORTIVO  
Dopo l’intervento posso riprendere subito a lavorare?
La maggior parte dei pazienti torna a lavorare il giorno stesso dell'operazione. Possono tuttavia manifestarsi lievi dolori e gonfiori, come a volte accade dopo un qualsiasi intervento dentistico. Raramente può comparire un ematoma sul viso, che però scompare in capo a pochi giorni.
 
A cosa si deve prestare attenzione dopo l’intervento?
Un’igiene orale domiciliare scrupolosa e dei controlli periodici regolari sono i requisiti essenziali per il mantenimento a lungo termine degli impianti dentali. In caso di igiene orale insufficiente, gli impianti sono molto più soggetti alle infezioni rispetto ai denti naturali.
 
È normale che dopo l’inserimento di un impianto dentale la lingua, nel parlare, ci vada a sbattere contro?
Si tratta di una questione di abitudine. La lingua è un organo estremamente sensibile, che registra ogni più piccolo cambiamento all’interno del cavo orale. Così, dopo l’inserimento di un impianto dentale ci vogliono spesso alcune settimane o mesi, prima che la lingua si abitui alla nuova situazione.
 
Si possono pulire gli impianti dentali con uno spazzolino sonico alla stessa stregua dei denti naturali?
Dopo l?inserimento degli impianti dentali, essi devono potersi integrare indisturbati nell?osso mascellare durante alcune settimane. Questa fase di osteointegrazione può durare sino a due mesi. Nel caso in cui gli impianti venissero sottoposti ad una sollecitazione meccanica durante questo lasso di tempo, si potrebbe compromettere la loro integrazione e guarigione. Per precauzione quindi, nella cosiddetta «cicatrizzazione a cielo aperto» sarebbe meglio rinunciare all?uso di spazzolini elettrici a tecnologia sonica durante questo periodo critico. Una volta integrati però, gli impianti si possono pulire con gli spazzolini sonici senza alcun problema.
 
Dopo la posa di un impianto dentale ci si può allenare con la pedana vibrante Power Plate?
Secondo le raccomandazioni di palestre e centri sportivi, nonché dei distributori del Power Plate, è assolutamente sconsigliato l’allenamento con la pedana vibrante dopo un impianto protesico eseguito di recente (inserimento di placche di metallo, perni, ecc.), tra cui anche l’impianto dentale. Riguardo a quest’ultimo, è solo dopo un periodo di pausa di circa quattro settimane, necessario per la cicatrizzazione (osteointegrazione), che si possono riprendere tranquillamente gli allenamenti con il Power Plate. Tuttavia, non sono ancora disponibili degli studi scientifici in merito a tale questione.
 
Per quanto tempo bisogna sospendere le immersioni subacquee dopo un impianto?
Fondamentalmente vale la regola secondo la quale, quanto più l’operazione è complessa, tanto più tempo bisogna lasciar passare prima di riprendere con le immersioni subacquee. Inoltre, se dopo l’impianto dovessero insorgere delle complicazioni, ad es. a causa di malattie, del consumo di tabacco o di alcool, il periodo d’attesa dovrebbe essere ulteriormente prolungato. È solo a partire dal momento in cui l’impianto dentale si è completamente integrato nell’osso e la protesi dentaria definitiva è stata fissata e si trova al suo posto, che non sussistono più dei rischi per l’impianto o la protesi dentaria riguardo all’immersione subacquea. Ad ogni modo, il periodo d’attesa più opportuno dovrebbe essere definito dal medico dentista curante.
 
  Top
SPECIALISTI IN IMPLANTOLOGIA  
Ogni medico dentista è in grado di inserire un impianto dentale, oppure è necessaria una formazione complementare?
L’impegno richiesto e le difficoltà di una terapia implantologica possono variare fortemente, a seconda della complessità della situazione di partenza di ogni paziente. La gamma degli interventi possibili è molto estesa e inizia con degli impianti relativamente semplici in un settore non visibile di un mascellare totalmente o parzialmente edentulo; le difficoltà aumentano poi notevolmente in presenza di difetti ossei importanti. Infine, gli interventi più difficili sono costituiti dalle riabilitazioni protesiche nei settori anteriori, molto sensibili dal punto di vista estetico.
In Svizzera l'implantologia fa parte della formazione professionale universitaria e post-graduate.  Fondamentalmente, ogni medico dentista può eseguire degli impianti. Ciononostante, a causa della complessità sempre più crescente degli interventi, il medico dentista dovrebbe idealmente aver conseguito una formazione complementare post-universitaria in parodontologia, chirurgia orale oppure in odontoiatria ricostruttiva/protesica; altrimenti l'odontoiatra dovrebbe possibilmente disporre di un attestato creato di recente, ovvero del certificato di perfezionamento (WBA) in implantologia orale rilasciato dalla SSO (Società svizzera odontoiatri). Esistono quindi sia degli specialisti, sia dei medici dentisti generici qualificati che hanno acquisito competenze specifiche in implantologia.
Nella loro pratica quotidiana, questi professionisti si possono limitare unicamente all’inserimento degli impianti (quindi solo alla posa delle viti in titanio nell’osso mascellare), oppure alla realizzazione della struttura protesica, o ancora, possono eseguire la terapia completa.
 
Esiste un elenco di medici dentisti qualificati per la posa di impianti?
Dato che quello dell'«implantologo» non è un titolo protetto in Svizzera, non esiste un elenco di dentisti specializzati in impianti dentali. Prima di affrontare la terapia, il paziente dovrebbe quindi informarsi sulle qualifiche professionali e le prestazioni che il medico dentista è in grado di offrire. A dipendenza dei casi, è inoltre auspicabile richiedere un secondo parere.

I pazienti possono ottenere la risposta alla domanda soprammenzionata, rivolgendosi:
  • in primo luogo al proprio medico dentista, che conosce molto bene la situazione personale e lo stato bucco-dentale del paziente. Il medico dentista può decidere, se eseguire lui stesso la terapia implantare, oppure raccomandarvi a un collega implantologo esperto.
  • a uno dei quattro istituti di medicina dentaria in Svizzera, che offrono pareri neutri e oggettivi. Questi istituti sono: il centro di odontoiatria, stomatologia e ortodonzia dell'Università di Zurigo (Zentrum für Zahn-, Mund- und Kieferheilkunde der Universität Zürich), le cliniche di medicina dentaria dell'Università di Berna (Zahnmedizinische Kliniken der Universität Bern), la sezione di medicina dentaria dell’Università di Ginevra (Université de Genève, Section de médecine dentaire) e le cliniche universitarie di medicina dentaria dell'Università di Basilea (Universitätskliniken für Zahnmedizin der Universität Basel).
  • tramite le pagine internet, direttamente alle società specialistiche rappresentate in seno alla Fondazione Impianti Svizzera, che sono le seguenti: Società Svizzera di Implantologia Orale (SGI), Società Svizzera di Chirurgia Orale e Stomatologia (SSOS), Società Svizzera di Parodontologia (SSP) e Società Svizzera di Odontoiatria Ricostruttiva (SSRD). Bisogna sapere però, che non tutti gli specialisti annoverati negli elenchi di queste società eseguono terapie implantologiche.
  • alla Fondazione Impianti Svizzera, che mette a disposizione una lista di specialisti, membri delle varie società professionali sopraindicate (www.fondazioneimpianti.ch).
 
  Top
PERDITA DELL’IMPIANTO  
Come e perché si può perdere un impianto?
Spesso è difficile identificare con chiarezza le ragioni della perdita di un impianto. Le cause possibili sono molteplici:
  • igiene orale insufficiente all’origine di infezioni simili alla parodontite, associate spesso anche al tabagismo
  • sollecitazione meccanica eccessiva, come avviene ad esempio con il digrignamento dei denti (bruxismo)
  • osso di scarsa qualità, che non è in grado di sopportare le sollecitazioni meccaniche (ad es. osso osteoporotico nel paziente anziano)
  • cicatrizzazione (osteointegrazione) insufficiente dell’impianto nell’osso
  • volume disponibile di tessuto osseo insufficiente
  • relazioni anatomiche sfavorevoli tra i due mascellari (vari tipi di malocclusioni più o meno pronunciate)
  • inserimento dell’impianto eseguito con imperizia da parte del medico dentista (in questo caso, l’insuccesso si manifesta poco tempo dopo l’intervento chirurgico)
  • infezione durante la fase di cicatrizzazione
  • causa sconosciuta
 
  Top
COSTI  
Quanto costa un impianto dentale?
Il costo di un impianto varia in funzione di ogni singolo caso e della complessità del trattamento. Per un impianto singolo con corona e senza aumento osseo, la spesa è compresa tra 3500 e 5000 franchi svizzeri. Questa cifra include anche il lavoro e l’onorario dell’odontotecnico. Dato che il numero di impianti da inserire dipende anche dal tipo di ricostruzione protesica prescelto, si raccomanda sempre, prima di iniziare il trattamento, di richiedere al medico dentista un preventivo per la cura pianificata e il lavoro dell’odontotecnico.
 
L'assicurazione malattia si assume una parte dei costi del trattamento?
Di norma l'assicurazione malattia non sostiene alcun trattamento dentistico. Tuttavia, in presenza di determinate patologie del sistema masticatorio, o delle conseguenze di alcune patologie sistemiche gravi, i trattamenti odontoiatrici che ne derivano rientrano tra le prestazioni obbligatorie previste dall'assicurazione delle cure medico-sanitarie (Art. 31 LAMal). In questi casi, anche un impianto dentale può eventualmente essere rimborsato dall'assicurazione sanitaria. In caso di perdita di denti dovuta a infortunio, la SUVA, oppure l'assicurazione malattia si assumono i costi del trattamento implantologico, dopo una verifica del caso da parte del loro medico dentista consulente.
 
  Top
RESPONSABILITÀ  
Chi risponde in caso di insuccesso?
È necessario dapprima stabilire se il trattamento implantologico è stato eseguito correttamente in tutte le sue fasi (informazione, pianificazione, esecuzione). Tuttavia, come per ogni atto medico, non è possibile fornire alcuna garanzia di successo in merito alla riuscita del trattamento. Il medico curante risponde però in caso di prestazione professionale inadeguata e non eseguita secondo le regole dell’arte. In caso di problemi, una richiesta diretta dovrebbe essere il primo passo da seguire e spesso conduce al chiarimento della situazione. Al contrario, se fosse venuta a mancare la fiducia, ci si può rivolgere alla commissione arbitrale della società dei medici dentisti SSO (Società Svizzera d'Odontologia e Stomatologia) del proprio cantone, competente solo a condizione che il medico dentista sia egli stesso membro di una sezione cantonale della SSO.
 
  Top
FONDAZIONE IMPIANTI SVIZZERA  
Per quale motivo è stata creata la FONDAZIONE IMPIANTI SVIZZERA?
La Fondazione Impianti Svizzera è stata creata allo scopo di informare in modo obiettivo, scientificamente fondato e facilmente comprensibile la popolazione svizzera sulle possibilità e i limiti degli impianti dentali. Essa mette a disposizione del pubblico strumenti informativi adeguati e organizza campagne divulgative. Le informazioni fornite al pubblico devono soddisfare criteri etici e scientifici molto severi e di massimo livello. La fondazione non persegue finalità di lucro.
 
Da chi è composta la FONDAZIONE IMPIANTI SVIZZERA?
Le seguenti società specialistiche sono parte integrante della Fondazione Impianti Svizzera:
  • Società Svizzera di Chirurgia Orale e Stomatologia (Schweizerische Gesellschaft für Oralchirurgie und Stomatologie SSOS)
  • Società Svizzera di Implantologia Orale (Schweizerische Gesellschaft für orale Implantologie SGI)
  • Società Svizzera di Odontoiatria Ricostruttiva (Schweizerische Gesellschaft für rekonstruktive Zahnmedizin SSRD)
  • Società Svizzera di Parodontologia (Schweizerische Gesellschaft für Parodontologie SSP)
La fondazione beneficia inoltre del sostegno della Società Svizzera di Odontologia e Stomatologia (SSO), dell’Organizzazione Svizzera dei Pazienti (OSP) e dei centri universitari di medicina dentaria di Basilea, Berna e Ginevra.
 
La FONDAZIONE IMPIANTI SVIZZERA si occupa anche di eseguire perizie e/o fornire secondi pareri?
La Fondazione Impianti Svizzera non esegue perizie, né fornisce secondi pareri. A questo scopo ci si può rivolgere alla competente commissione arbitrale della società dei medici dentisti del proprio cantone, oppure alle cliniche universitarie.
 
up
Ordinazione degli opuscoli
  • Opuscolo PDF (371 KB)
  • Opuscolo  PDF (70 KB)
» Ordine
Che cos'è un impianto dentale?

L’impianto si presenta sotto forma di una vite, di norma in titanio, inserita mediante intervento chirurgico nell’osso mascellare o mandibolare, dove sostituisce la radice di un dente mancante. Su questo pilastro artificiale verrà successivamente fissata una protesi dentaria. La tecnica dell’impianto consente di sostituire un singolo dente, colmare una lacuna dentaria più estesa o stabilizzare e fissare una protesi rimovibile in un mascellare completamente edentulo.